Igino Accordini: le cantine più famose d’Italia

Quando un’azienda si fa strada nelle classifiche mondiali, dovremmo esserne fieri. Anche per le cantine Igino Accordini è stato così e grazie ai loro vini unici, dal sapore inconfondibile, sono diventate un baluardo delle eccellenze enogastronomiche all’estero per la nostra Nazione.

 

Igino Accordini: garanzia di qualità

Conquistare la fama all’estero non è certo cosa per tutti, soprattutto visti i tanti controlli e la diffidenza nei confronti delle produzioni straniere. Le cantine Igino Accordini però, hanno saputo mantenere sempre alto il livello qualitativo dei propri vini, valorizzandone le caratteristiche con miscele che rispettano al 100% la tradizione.

Prendiamo ad esempio l’ Amarone Accordini, l’araldo che ha aperto a questa azienda veronese di umili origini le porte del mercato internazionale. Esso è realizzato ancora oggi seguendo le ricette di quasi 200 anni fa, miscelando sapientemente le più pregiate uve della Valpolicella fra cui: Corvina Veronese, Corvinone, Rondinella e Rossignola.

 

Innovazione nelle cantine Igino Accordini

Essere conservatori però non basta per raggiungere gli apici del mercato internazionale, bisogna anche sapersi adattare all’evoluzione dei tempi. L’abilità di Guido Accordini è stata proprio quella di riuscire, grazie anche all’enorme contributo della moglie, ad integrare una produzione moderna pur rispettando la tradizione.

È stato proprio grazie al costante impegno e agli investimenti sulle ultime innovazioni, che l’ azienda si è evoluta, passando dagli iniziali 3 ettari di vigneti, agli attuali 35. Un salto produttivo enorme che ha aiutato ad espandere sempre di più il raggio di distribuzione dei vini della Valpolicella.

Le cantine Igino Accordini rimangono un fulgido esempio di impegno ed amore per la tradizione e la famiglia, che abbiamo voluto omaggiare con questo breve articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>