Corsi Nails Art: come scegliere quello giusto

Per sapere come scegliere un buon corso di ricostruzione unghie a Roma o in altre città di Italia non è necessario essere già delle provette onicotecniche.

Anche ragazze completamente profane della materia, che cioè non hanno ancora la benché minima idea di come si effettui concretamente una ricostruzione unghie, possono, una volta deciso di intraprendere questo affascinante mestiere, scegliere il corso giusto semplicemente facendo caso a dei piccoli dettagli.
Tanto per cominciare, è necessario sapere esattamente chi organizza il corso in questione. Per scegliere un buon corso di ricostruzione unghie, infatti, a Roma come altrove, bisogna innanzi tutto diffidare da quelle accademie o centri estetici che sorgono da un giorno all’altro, che non hanno un nome conosciuto né tantomeno alcuna esperienza concretamente dimostrabile.
Una volta appurato che il corso viene tenuto da gente seria e in gamba, che conosce bene il mestiere dell’onicotecnica (colei che appunto si occupa della bellezza delle unghie, della ricostruzione secondo diverse tecniche e dalla nail art, ovvero della decorazione delle stesse secondo motivi astratti o floreali o ancora geometrico, a seconda dei gusti della cliente) e che soprattutto è in grado di trasmettere in maniera efficace le proprie competenze, è necessario dare un’occhiata anche al prezzo del corso.

I costi di un corso di ricostruzione unghie

Se infatti la voglia di risparmiare è perfettamente comprensibile e condivisibile, soprattutto in un contesto di crisi economica come quello in cui il nostro Paese versa ormai da diversi anni, è anche vero, purtroppo, che un buon corso di ricostruzione unghie a Roma come nel nord Italia, non è mai troppo economico.
E non lo è perché, in caso contrario, non rientrerebbe nei costi.
I corsi troppo economici, infatti, solitamente o sono troppo brevi, o sono mal organizzati, oppure utilizzano prodotti scadenti di cui inevitabilmente risente anche la pratica in aula.
E come si da ad imparare un’arte se non si utilizzano gli strumenti giusti?
Il materiale che viene offerto a ogni corsista affinché lo utilizzi a lezione per fare pratica ha un costo: cartine, gel, tips e liquidi di qualità e rigorosamente made in Italy rappresentano costi fissi da cui nessun corso può prescindere, ed è per questo motivo che è bene non prendere in considerazione chi offre lezioni a prezzi stracciati.
Molto importante, poi, è che chi organizza il corso offra, accanto ad alcune ore di teoria in cui si parla dell’unghia e si illustrano le varie tecniche, almeno il doppio delle ore di pratica in cui l’aspirante onicotecnica prende confidenza con gli strumenti del mestiere e impara a mettere in atto concretamente quanto appreso solo in teoria.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>